PRESSA

PRESSA PER MATTONI

 

I mattoni prodotti con questo sistema manuale hanno contribuito alla costruzione di un ospedale in Togo. La messa a punto di questo strumento risale allo stesso periodo delle cucine solari e come queste è stato un tentativo di ridurre la deforestazione, in questo caso legata al processo di cottura dei mattoni. Nelle aree in cui Missionland opera il materiale edile è inoltre inacessibile per buona parte della popolazione, sia per prezzo che per disponibilità. Fornire un mattone dalle buone proprietà edili, abbassandone il costo e senza stravolgere i canoni estetici dell’ architettura tradizionale è sembrato un buon modo di aiutare lo sviluppo locale

I meccanismo consiste in una camera di compressione azionata da una leva a mano: inserendo la giusta quantità di terra umida mischiata a basse quantità di cemento ed esercitando pressione manuale si ottiene un mattone, che dopo un periodo di essicazione di una decina di giorni e’ pronto per essere utilizzato. Sono stati distribuiti finora 60 kit. Questo e’ uno dei progetti che Missionlad Onlus intende rilanciare nel breve periodo attraverso il coinvolgimento delle scuole professionali che già producono il dispositivo Clean-water.