BAGIGIO-JOE

BAGIGIO JOE

 

BAGIGIO JOE è il più recente progetto Missionland, partito nel maggio 2016 in Burkina Faso. Interessa al momento tre vaste aree rurali alle quali è stato acquistato in anticipo il raccolto di arachidi della stagione: sei vilaggi nell’area a nord di Ouahigouya, dieci villaggi nella circoscrizione a nord est di Kaya e un’altra decina di villaggi nell’area a sud di Tenkodogo. Il laboratorio di trasformazione in pasta di arachidi ha sede a Ouagadougou, presso il centro di formazione professionale delle suore Camilliane.

IL PROGETTO

L’iniziativa è nata con l’obiettivo di formulare un progetto che, in scala ridotta, cercasse di dare soluzioni pratiche ai principali elementi di fragilità riscontrati in Burkina Faso: povertà, disoccupazione, malnutrizione e il ruolo marginale della donna nella società burkinabè.

FOTO7La coltivazione dell’arachide costituisce una buona fonte di guadagno ed è un tipo di coltura che ben si affianca, per ciclo naturale e compatibilità, alle principali colture di sussistenza di miglio e sorgo. Nei villaggi rurali è solitamente intesa come coltura accessoria destinata alla vendita e non allo stretto consumo famigliare. Per far partire il ciclo produttivo è stato acquistato in anticipo il primo raccolto ad un prezzo equo, 20.000 Cfa per un sacco da 100 kg, dando modo ai vari villaggi di investire i soldi non solo per la produzione della stagione entrante, ma anche per le loro esigenze contingenti.

Un punto di forza del progetto consiste nel sostegno di una filiera produttiva locale in cui la gestione delle fasi di semi-lavorazione (decorticazione e pulizia del guscio) è lasciata ai singoli villaggi, ampliandone così l’indotto economico e la redistribuzione. La raccolta e la lavorazione dell’arachide coinvolge tutto il villaggio e ogni famiglia ne trae il proprio guadagno in funzione della divisione del lavoro e delle dimensioni degli appezzamenti dedicati alle colture.

Una volta pronto per la tostatura e la trasformazione in pasta di arachidi il prodotto viene trasportato a Ouagadougou. Qui, negli spazi del centro di formazione professionale della congregazione Camilliana, ha sede il nostro laboratorio fornito di moderni macchinari per la tostatura, la macinatura e il confezionamento del prodotto finito.

Un punto di forza del progetto consiste nell’impegno rivolto alla promozione del ruolo della donna e al suo coinvolgimento lavorativo: questo è infatti un requisito richiesto ai villaggi coinvolti e le persone impiegate nel nostro laboratorio di trasformazione sono miste, tre donne e tre uomini. L’azienda dispone dei mezzi adeguati per produrre un prodotto di qualità e finora molto apprezzato. Ad oggi la produzione si aggira attorno agli 800 chili e prevede varie possibilità di formato: 100gr (200 Cfa), 400gr (650 Cfa), 1Kg (1300 Cfa), 5 Kg (6000 Cfa).

Il progetto non è ancora completo, gli obiettivi a breve termine sono quelli di ampliarne la base, coinvolgendo altri villaggi nell’acquisto equo delle arachidi, destinare una parte sempre maggiore del prodotto ai centri impegnati nella lotta alla malnutrizione, ampliarne la rete distributiva e promuovere con i proventi la costruzione di granai sociali nei vari villaggi per lo stoccaggio e la conservazone dei prodotti agricoli.

OBBIETTIVI SPECIFICI

  1. Offrire occupazione e possibilità di riscatto sociale.
  2. Promuovere il ruolo della donna.
  3. Combattere la speculazione di mercato sul prezzo del prodotto agricolo.
  4. Combattere la malnutrizione e il rachitismo.
  5. Offrire un prodotto locale, naturale e di qualità: 100% pasta d’arachide made in Burkina Faso.